Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
5 ottobre 2018
E-005092-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005092-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Proliferazione di insetti extraeuropei: a rischio molte produzioni ortofrutticole del «Made in Italy». Richiesto intervento della Commissione europea
 Risposta scritta 

L'aumento delle temperature autunnali negli ultimi anni in Italia ha permesso la proliferazione di insetti provenienti da paesi extraeuropei, che ora stanno arrecando gravissimi danni a molte produzioni ortofrutticole. Secondo quanto segnalato dall'associazione Coldiretti, il cinipide galligeno del castagno cinese Dryocosmus kuriphilus danneggia le coltivazioni di castagne, il coleottero Aethina Tumida mette a rischio diverse produzioni «Made in Italy» di miele, in Veneto ciliegie, mirtilli e uva sono decimati dal moscerino Drosophila suzukii, e in Emilia gli alberi di melo e pero vengono colpiti dal batterio Erwinia amylovora. Inoltre, Confagricoltura ha reso noto che la cimice marmorata asiatica (Halyomorpha halys) sta danneggiando pesantemente le coltivazioni di mele (con perdite fino al 50 % in provincia di Padova), pere (fino al 40 % di danni in provincia di Treviso), kiwi, pesche, mais e soia in tutto il Veneto.

Considerato che questi insetti nocivi prolificano rapidamente non trovando antagonisti naturali in Italia e che la maggioranza di essi arriva in Europa attraverso le importazioni di prodotti alimentari dai paesi terzi, può la Commissione far sapere come intende rafforzare i controlli sulle importazioni agroalimentari nell'UE?

Quali altre misure intende adottare per salvaguardare le produzioni ortofrutticole del «Made in Italy» dalla diffusione di questi insetti?

Intende definire delle misure di compensazione straordinarie per gli agricoltori che stanno subendo perdite ingenti?

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2018Avviso legale