Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
16 ottobre 2018
E-005267-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005267-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Alessandra Mussolini (PPE)

 Oggetto:  La Francia riporta migranti in Italia senza autorizzazione
 Risposta scritta 

Secondo quanto riportato dal Ministero degli interni italiano, lo scorso 12 ottobre un furgone della gendarmeria francese è stato individuato a Claviere (Torino), al confine con la Francia, mentre faceva scendere due uomini, presumibilmente migranti di origine africana, nei pressi di una zona boschiva, senza previa autorizzazione della polizia italiana.

La mancata liceità dell'operazione ha trovato un primo riscontro nell'avvio di un'inchiesta da parte della Procura di Torino, a cui la Digos avrebbe consegnato degli scatti che ritraggono l'immagine del furgone francese durante l'operazione.

Al di là dell'irregolarità ascrivibile allo sconfinamento in sé, l'azione francese è apparsa in netto contrasto con quanto previsto dagli accordi internazionali, e dall'acquis comunitario, in materia di riammissione degli immigrati.

Alla luce di quanto illustrato, può la Commissione riferire:
1) Se intende formalmente richiamare la Francia per il mancato rispetto delle regole internazionali, ed europee, in materia di riammissione dei migranti.
2) Se ritiene plausibile che uno Stato possa arrogarsi il diritto di adottare decisioni che coinvolgono altri Stati membri, su base unilaterale e compromettendo la sicurezza, mentre il dibattito politico e legislativo pare auspicare una piena interoperabilità dei sistemi informativi, in nome di un permanente e istantaneo scambio tra gli Stati membri dell'Unione.
Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2018Avviso legale