Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 18k
15 ottobre 2018
E-005280-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005280-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Thomas Waitz (Verts/ALE) , Maria Heubuch (Verts/ALE) , Bart Staes (Verts/ALE) , Marco Affronte (Verts/ALE) , Martin Häusling (Verts/ALE)

 Oggetto:  Attuazione da parte degli Stati membri degli obblighi stabiliti dalla direttiva 2001/18/CE e dal regolamento (CE) n. 1829/2003 per le tecniche di mutagenesi non esenti dagli obblighi
 Risposta scritta 

La sentenza della Corte di giustizia (Grande Sezione) del 25 luglio 2018, relativa alla causa C‐528/16, controversia tra la Confédération paysanne e altri, da un lato, e il primo ministro francese e il ministro dell'agricoltura, dell'agroalimentare e delle foreste, dall'altro, ha concluso che, ai sensi della legislazione dell'UE, tutte le tecniche di mutagenesi sono da considerarsi al pari dell'impiego di OGM, e che le deroghe dovrebbero riguardare solo le tecniche con una lunga tradizione di sicurezza. Di conseguenza, tutte le tecniche di mutagenesi sviluppate a partire dall'entrata in vigore della direttiva 2001/18/CE non possono essere considerate esenti dagli obblighi. Tuttavia, in diversi casi la coltivazione sperimentale di colture ottenute tramite alcune di tali tecniche (prevalentemente mutagenesi indotta da oligonucleotidi e CRISPR/Cas9) è stata autorizzata al di fuori del quadro normativo sugli OGM da parte di taluni Stati membri, ossia la Svezia, il Regno Unito e il Belgio.

In che modo la Commissione ha intenzione di garantire che gli Stati membri si attengano alle norme stabilite dalla direttiva 2001/18/CE e dal regolamento (CE) n. 1829/2003 relative a qualsiasi emissione deliberata (per esempio sperimentazioni in campo, coltivazioni commerciali, commercializzazione e importazione) di colture e prodotti ottenuti tramite una qualsiasi tecnica di mutagenesi non esente dagli obblighi?

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Ultimo aggiornamento: 30 ottobre 2018Avviso legale