Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
25 ottobre 2018
E-005453-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005453-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Verifiche periodiche impianti
 Risposta scritta 

L'articolo 5 della direttiva 2009/104/CE responsabilizza il datore di lavoro nell'effettuare verifiche delle attrezzature di lavoro, delegando agli Stati membri le modalità di esecuzione delle stesse.

Nel successivo articolo 6 non vengono indicate prescrizioni più precise nonostante si tratti di attrezzature con rischio specifico.

In Italia, attualmente le società private possono effettuare le verifiche periodiche di impianti e attrezzature in alternativa all'ente pubblico.

Ciò comporta una «concorrenza» di mercato tra gli enti pubblici e le società private che si occupano di verifiche periodiche, con la differenza che, mentre tra il datore di lavoro e l'ente pubblico c'è un rapporto di imparzialità, con la società privata il datore ha un rapporto cliente/fornitore, a cui può seguire potenziale diminuzione della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Inoltre, nei Dipartimenti di prevenzione ciò ha portato a riduzione del personale adibito alla sicurezza impiantistica.

In aggiunta, la suddivisione delle competenze in materia di verifiche tra ASL e ARPA non è applicata in maniera uniforme nel territorio nazionale, generando non pochi problemi gestionali per i due enti.

Può la Commissione dire se ritiene corretto l'approccio italiano oppure indicare se ritiene sarebbe più opportuno:
1) conservare alcune verifiche periodiche di competenza esclusiva dell'ente pubblico;
2) uniformare la normativa sulle competenze a livello nazionale?
Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2018Avviso legale