Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 26kWORD 22k
1o febbraio 2019
E-005789/2018(ASW)
Risposta congiunta di Elżbieta Bieńkowska a nome della Commissione europea
Interrogazioni scritte: E-005789/18 , E-005808/18
Riferimento delle interrogazioni: E-005789/2018, E-005808/2018

La Commissione riconosce gli ingenti danni causati dai recenti gravi eventi atmosferici che si sono abbattuti sull'Italia settentrionale, come altrove, in particolare gli effetti diretti sulle foreste e indiretti sulla silvicoltura regionale.

Un calo dei prezzi del legname in seguito ai danni provocati dalle tempeste, a causa dell'aumento dei costi della raccolta e di un eccesso dell'offerta, inciderà probabilmente sui proprietari delle foreste e sulle industrie di trasformazione del legno. A livello di UE non esistono regimi di aiuto settoriali già disponibili per le industrie di trasformazione del legno. Analogamente, dal momento che la politica forestale non rientra nelle competenze dell'Unione, la Commissione non può istituire un fondo straordinario per le foreste italiane. Ciò nonostante, la Commissione è pronta a prendere in considerazione ogni eventuale richiesta di assistenza a titolo del Fondo di solidarietà dell'UE presentata dalle autorità italiane per operazioni di emergenza e recupero.

Il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) può aiutare le foreste del settore privato, non ammissibili al Fondo di solidarietà, a ricostituire il potenziale forestale danneggiato da calamità naturali ed eventi catastrofici. Tale aiuto può essere considerato nel caso in cui almeno il 20 % del potenziale forestale sia stato distrutto e l'evento sia riconosciuto dalla pubblica autorità competente. Il FEASR può anche contribuire allo stoccaggio del legname tondo rimosso dalle foreste danneggiate per evitare ulteriori danni da parte di funghi o insetti. Tutte queste misure devono essere incluse nei pertinenti programmi di sviluppo rurale [come stabilito in linea con il regolamento (UE) n. 1305/2013(1)] e sono subordinate alla presentazione di un piano di gestione forestale e di un piano di protezione o di strumenti equivalenti per le aziende silvicole al di sopra di una determinata soglia di dimensione, definita dagli Stati membri.

(1)GU L 347 del 20.12.2013, pag. 487.

Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2019Avviso legale