Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
16 novembre 2018
E-005806-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005806-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Integratori alimentari e sicurezza dei consumatori: il caso della monacolina K da riso rosso fermentato
 Risposta scritta 

Gli integratori alimentari contenenti monacolina K da riso rosso fermentato sono stati utilizzati in Italia per circa 20 anni da milioni di consumatori per la gestione del colesterolo. A fronte di circa 30 milioni di confezioni vendute in Italia tra il 2002 ed il 2015 si sono registrati solamente 52 casi sospetti di reazioni avverse la maggior parte non serie. Le autorità italiane avevano fissato un livello di apporto massimo di 3 mg. Il parere dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) del 28 luglio 2011 ha fissato poi un apporto a 10 mg per la rivendicazione degli effetti della sostanza sul colesterolo. Il successivo parere dell'EFSA del 3 agosto 2018 sostiene che non è stato possibile identificare un apporto di monacolina da riso rosso fermentato che non susciti preoccupazioni per la salute.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione chiarire:
1) come il regolamento 1924/2006/CE garantisce la sicurezza del consumatore se, contestualmente alla validazione scientifica dell'indicazione sulla salute, non si valutano anche profili di sicurezza come nel caso della monacolina;
2) come intende gestire proporzionalmente il supposto rischio della monacolina in funzione di una probabilità statisticamente pari a circa zero di reazioni avverse;
3) se sta considerando le migliori pratiche degli Stati membri che, attraverso apporti inferiori a 10 mg nei prodotti con monacolina e con avvertenze opportune in etichetta, hanno negli anni garantito la sicurezza dei consumatori?
Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2018Avviso legale