Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 17k
26 novembre 2018
E-005933-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005933-18
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 130 del regolamento
Pina Picierno (S&D) , Daniele Viotti (S&D) , Patrizia Toia (S&D) , Isabella De Monte (S&D) , Enrico Gasbarra (S&D) , Renata Briano (S&D)

 Oggetto:  VP/HR — Situazione delle attiviste per i diritti umani in Arabia Saudita
 Risposta scritta 

Secondo Amnesty International, che ha raccolto le testimonianze di almeno tre difensori dei diritti umani, l'Arabia Saudita avrebbe torturato per mesi attiviste e attivisti per i diritti delle donne, arrestati senza essere processati. Le torture si sarebbero verificate nella prigione saudita di Dhahban, dove uomini e donne sono stati ripetutamente colpiti con scariche elettriche e frustate.

Una delle attiviste, mentre veniva interrogata, sarebbe stata molestata da un agente coperto da una maschera, mentre un altro ha tentato di suicidarsi, secondo quanto riportato dall'organizzazione non governativa.

Tra le donne fermate negli scorsi mesi ci sono la giovane attivista ventinovenne Loujain al-Hathloul, arrestata per il suo impegno a favore della revoca del divieto di guida, e l'anziana Aziza Al-Yousef, battutasi per anni per i diritti delle donne saudite.

Considerando la già arretratissima situazione dei diritti delle donne nel Paese e le gravissime accuse summenzionate mosse dalle organizzazioni per la difesa dei diritti umani, si chiede al VP/HR:
1) È al corrente della preoccupante situazione in cui si trovano queste attiviste?
2) Quali azioni sono state o saranno messe in campo dall'UE per difendere la dignità e l'integrità delle donne e degli attivisti torturati?
Ultimo aggiornamento: 13 dicembre 2018Avviso legale