Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 25kWORD 21k
7 febbraio 2019
E-006265/2018(ASW)
Risposta di Corina Creţu a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-006265/2018

In base alle informazioni trasmesse dall'autorità di gestione dei programmi della regione Puglia, gli interventi cui fa riferimento l'onorevole deputata si sono resi necessari a seguito della chiusura della discarica di rifiuti solidi urbani «Li Cicci» e dell'abbandono del sito da parte del precedente ente gestore, che ha provocato una situazione di degrado ambientale e ha richiesto interventi a tutela dell'ambiente e della salute pubblica.

Il primo progetto, finanziato con il PO Puglia FESR 2007-2013, riguardava la messa in sicurezza ambientale del sito nonché studi delle caratteristiche del suolo e dell'acqua, con attività di impermeabilizzazione degli abbancamenti, raccolta dell'acqua piovana, preparazione di pozzi per l'estrazione del percolato e raccolta di biogas. Il progetto finanziato nell'ambito del PAC Puglia 2007-2013 integra il progetto precedente ed è stato finanziato solo con risorse nazionali.

Il costo totale di questi due progetti è di 1,2 milioni di EUR. L'intervento globale si è materialmente concluso ed è stato sottoposto a controllo nel dicembre 2015. Per quanto riguarda il periodo 2014-2020, con determina n. 326 del 12.12.2018 la regione ha concesso al Comune di Manduria, ora diventato proprietario della discarica, un sostegno finanziario di 570 000 EUR per il ripristino di una parte della copertura della discarica danneggiata da ripetuti atti vandalici e incendiari al fine di evitare contaminazioni ambientali. L'intervento è appena iniziato.

La Commissione non è a conoscenza di questioni di non conformità riguardanti la discarica in questione. In conformità alla direttiva 1999/31/CE(1) relativa alle discariche di rifiuti, spetta alle autorità competenti garantire che la discarica sia conforme ai requisiti giuridici di costruzione, funzionamento e gestione successiva alla chiusura ivi stabiliti.

(1)Direttiva 1999/31/CE del Consiglio, del 26 aprile 1999, relativa alle discariche di rifiuti (GU L 182 del 16.7.1999, pag. 1).

Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2019Avviso legale