Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 33kWORD 23k
20 febbraio 2019
E-006428/2018(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-006428/2018

In Europa un additivo alimentare può essere incluso nell'elenco dell'Unione degli additivi alimentari autorizzati quando, tra l'altro, sulla base dei dati scientifici disponibili, il tipo di impiego proposto non pone problemi di sicurezza per la salute dei consumatori(1). La valutazione della sicurezza degli additivi alimentari nell'Unione rientra nelle responsabilità dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA)(2).

Il biossido di titanio (TiO2) è un additivo alimentare (colorante alimentare E 171) il cui utilizzo è autorizzato nell'Unione(3). Nel 2016 l'EFSA ha rivalutato la sicurezza del TiO2 autorizzato come additivo alimentare (E 171)(4) e ha concluso che l'E 171 non desta timori in relazione alla genotossicità, non è cancerogeno in seguito a somministrazione orale e l'esposizione orale stimata a tale additivo non suscita preoccupazioni. L'EFSA ha evidenziato che l'esposizione al TiO2 per inalazione non era direttamente pertinente per la valutazione della sicurezza del TiO2 come additivo alimentare e dunque non è stata presa in considerazione nella valutazione dell'E 171. L'EFSA ha raccomandato di raccogliere un maggior numero di dati per sviluppare ulteriormente la valutazione della sicurezza dell'E 171 e per migliorarne le specifiche(5), attualmente oggetto di un attento esame da parte della Commissione(6). Entro il 31 luglio 2019 l'EFSA dovrebbe adottare un parere in merito alle specifiche modificate che sono state proposte.

L'EFSA ha inoltre recentemente valutato quattro nuovi studi sulla potenziale tossicità dell'E 171(7), tra i quali figura lo studio del 2017 condotto dall'Istituto nazionale francese per la ricerca agronomica(8). L'EFSA ha stabilito che questi nuovi studi non modificano le conclusioni della valutazione della sicurezza del 2016 e ha raccomandato di effettuare alcuni esami supplementari, che le parti interessate hanno accettato di condurre(9).

Sulla base di tutto ciò, la Commissione ritiene che attualmente non vi siano motivi per applicare misure precauzionali riguardo all'autorizzazione dell'E 171 come additivo alimentare.

(1)Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 16; https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?qid=1548239394999&uri=CELEX:32008R1333).
(2)Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare (GU L 31 dell'1.2.2002, pag. 1; https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?qid=1548239477894&uri=CELEX:32002R0178).
(3)Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 16; https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?qid=1548239394999&uri=CELEX:32008R1333).
(4)Gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e sulle fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS) dell'EFSA, 2016, Scientific Opinion on the re-evaluation of titanium dioxide (E 171) as a food additive [Parere scientifico sulla rivalutazione del biossido di titanio (E 171) come additivo alimentare], EFSA Journal 2016;14(9):4545 (https://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/pub/4545).
(5)Regolamento (UE) n. 231/2012 della Commissione, del 9 marzo 2012, che stabilisce le specifiche degli additivi alimentari elencati negli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 83 del 22.3.2012, pag. 1; https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/ALL/?uri=celex%3A32012R0231).
(6)Follow-up of EFSA's scientific opinion on the re-evaluation of titanium dioxide (E 171) as a food additive [Follow-up del parere scientifico dell'EFSA sulla rivalutazione del biossido di titanio (E 171) come additivo alimentare]; Call for scientific and technical data on the permitted food additive titanium dioxide (E 171) [Invito alla raccolta di dati tecnici e scientifici sull'additivo alimentare autorizzato biossido di titanio (E 171)], (https://ec.europa.eu/food/safety/food_improvement_agents/additives/re-evaluation_en).
(7)Gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e sulle fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS) dell'EFSA, 2018, Evaluation of four new studies on the potential toxicity of titanium dioxide used as a food additive (E 171) [Valutazione di quattro nuovi studi sulla potenziale tossicità del biossido di titanio utilizzato come additivo alimentare (E 171)], EFSA Journal 2018;16(7):5366 (https://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/5366).
(8)Bettini, S. et al., Food-grade TiO2 impairs intestinal and systemic immune homeostasis, initiates preneoplastic lesions and promotes aberrant crypt development in the rat colon, Scientific Report 7, 40373; doi: 10.1038/srep40373 (2017).
(9)Entro la fine del 2019 dovrebbero essere disponibili nuovi dati sulla tossicità per la riproduzione.

Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2019Avviso legale