Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 47kWORD 18k
15 gennaio 2019
E-000162-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000162-19
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 130 del regolamento
Ramon Tremosa i Balcells (ALDE) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Mark Demesmaeker (ECR) , Csaba Sógor (PPE) , Petras Auštrevičius (ALDE) , László Tőkés (PPE)

 Oggetto:  VP/HR — Seguito alla risposta data all'interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004540/2018 sulla detenzione arbitraria di massa di un milione di uiguri — deterioramento della situazione nella regione autonoma uigura dello Xinjiang
 Risposta scritta 

Sebbene negli ultimi mesi l'UE si sia espressa sempre più spesso sul tema, la situazione nella regione autonoma uigura dello Xinjiang ha continuato a peggiorare, in quanto, secondo fonti attendibili, la rete di campi di internamento(1) che detiene arbitrariamente un milione di uiguri e altre popolazioni di origine turca continua ad espandersi(2). I campi rappresentano un enorme sforzo volto ad assimilare culturalmente un intero gruppo etnico con la forza e a erodere la singolare identità uigura.

Il governo cinese ha inoltre recentemente adottato misure volte a formalizzare(3) le reti di campi attraverso la politica regionale(4) e la repressione della libertà religiosa, dichiarando una campagna quinquennale volta a «cinesizzare» l'Islam(5). Tali sviluppi indicano che i campi di internamento e la persecuzione degli uiguri stanno diventando un elemento permanente della politica cinese.

La portata e l'entità della situazione hanno indotto numerosi studiosi e commentatori a definire le azioni condotte dalla Cina nella regione un «crimine contro l'umanità»(6) (7), rendendo necessaria un'ulteriore azione concreta da parte dell'UE.

Considerando la gravità della situazione:
1. Quali azioni sta intraprendendo l'UE per sollecitare la chiusura dei campi di internamento e il rilascio dei detenuti?
2. Quali misure sta adottando per attuare la risoluzione d'urgenza(8) approvata dal Parlamento il 4 ottobre 2018 in merito a tale questione?
3. Intende l'UE prendere in considerazione la possibilità di imporre sanzioni ai funzionari cinesi responsabili di tali gravi violazioni dei diritti umani?

(1)https://www.bbc.co.uk/news/resources/idt-sh/China_hidden_camps
(2)https://www.reuters.com/investigates/special-report/muslims-camps-china/
(3)https://www.bbc.com/news/world-asia-45812419
(4)https://eeas.europa.eu/headquarters/headquarters-Homepage/52881/statement-spokesperson-situation-xinjiang_en
(5)https://www.aljazeera.com/news/2019/01/china-passes-law-islam-compatible-socialism-190105185031063.html
(6)https://edition.cnn.com/2018/07/26/opinions/xinjiang-china-caster-intl/index.html
(7)https://www.hongkongfp.com/2018/10/11/chinas-abuses-muslim-region-may-constitute-crimes-humanity-says-us-congressman/
(8)Testi approvati, P8_TA(2018)0377.

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2019Avviso legale