Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 18k
24 gennaio 2019
E-000377-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000377-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Daniela Aiuto (EFDD)

 Oggetto:  Sovrappopolamento cinghiali
 Risposta scritta 

Come evidenziato dall'ufficio di Bruxelles di Confagricoltura e dall'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) di Parma, la proliferazione degli animali selvatici, e in particolare dei cinghiali, nei prossimi anni sarà caratterizzata da un incremento estremamente elevato. Inoltre, Confagricoltura evidenzia che a oggi l'Italia si sta muovendo in ordine sparso e senza una puntuale politica di prevenzione, come avviene invece in altri paesi dell'UE, quali ad esempio la Francia, dove sono state istituite zone di spopolamento di 140 km quadrati. L'articolo 191 del TFUE fa esplicito riferimento a una politica ambientale fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva.

Alla luce di quanto precede, la Commissione:
1) È a conoscenza del sempre maggiore rischio che pongono gli animali selvatici per l'incolumità delle persone, sia direttamente, per via degli incidenti che causano, che indirettamente, attraverso la diffusione di virus tra cinghiali selvatici e suini domestici?
2) Intende adottare delle misure per aiutare gli Stati membri a sviluppare politiche di prevenzione della diffusione dei suini selvatici che siano adeguate ed efficaci?
3) Tenuto conto di tutti questi elementi, ritiene necessario agire nel più breve tempo possibile in modo da rispettare i principi indicati nel summenzionato articolo 191 del TFUE?
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2019Avviso legale