Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 32kWORD 19k
18 marzo 2019
E-000420/2019(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-000420/2019

La decisione di esecuzione (UE) 2015/789 della Commissione relativa alle misure per impedire l'introduzione e la diffusione nell'Unione della Xylella fastidiosa(1) è regolarmente aggiornata sulla base dei nuovi sviluppi scientifici e tecnici. Se giustificato, le disposizioni giuridiche possono essere modificate in qualsiasi momento.

Prima dell'adozione formale da parte della Commissione, il pertinente progetto di decisione di esecuzione è presentato al comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi (comitato PAFF)(2), sede in cui gli Stati membri hanno l'opportunità di esprimere il proprio parere al riguardo.

L'esecuzione della decisione dell'UE è attentamente monitorata attraverso gli audit della Commissione negli Stati membri interessati per valutare l'attuazione di tali misure di controllo sul campo. Nel caso specifico l'Italia, a causa della limitata attuazione della decisione (UE) 2015/789 e del rischio di un'ulteriore diffusione della Xylella fastidiosa in altre zone del territorio dell'Unione, nel maggio 2018 è stata deferita dalla Commissione alla Corte di giustizia dell'Unione europea(3).

(1)GU L 125 del 21.5.2015, pag. 36.
(2)https://ec.europa.eu/food/committees/paff_en
(3)http://europa.eu/rapid/press-release_IP-18-3805_en.htm

Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019Avviso legale