Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 18k
8 febbraio 2019
E-000762-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000762-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Irregolarità di gestione di fondi dell'UE da parte delle ONG: la relazione della Corte dei conti europea
 Risposta scritta 

Il 18 dicembre 2018 la Corte dei conti europea ha pubblicato la relazione speciale n.35/2018 «La trasparenza dei finanziamenti UE la cui esecuzione è demandata alle ONG: è necessario compiere maggiori sforzi». Dai controlli effettuati, la Corte ha rilevato una gestione poco trasparente, da parte della Commissione, dei finanziamenti dell'UE dati a ONG per attuare vari programmi europei. I metodi della Commissione sarebbero inattendibili poiché, per assegnare a un'organizzazione lo status di «organizzazione non governativa», si affidano ad autodichiarazioni; inoltre, sono state riscontrate lacune nel sistema di raccolta e verifica dei dati della Commissione sui fondi dell'UE utilizzati da ONG. Questa gestione inefficiente rende di fatto impossibili i controlli sui finanziamenti europei spesi. Secondo le stime della Corte, nel periodo 2014-2017 la Commissione ha stanziato 11,3 miliardi di euro per programmi gestiti da organizzazioni non governative.

Alla luce di quanto precede e preso atto della carenza di informazioni su come sono stati spesi i fondi dell'UE, da parte di queste ONG, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) Come giustifica tale situazione?
2) Come intende porre rimedio a questa gestione inaccettabile, per garantire un'effettiva trasparenza dei dati e dei fondi relativi alle ONG che collaborano con la Commissione?
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2019Avviso legale