Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 49kWORD 18k
8 febbraio 2019
E-000763-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000763-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Tutela dell'olio d'oliva italiano per salvaguardare un settore d'eccellenza del Made in Italy
 Risposta scritta 

Il 31gennaio 2019 sono stati resi noti i dati ISMEA relativi alla produzione di olio d'oliva italiano nel 2018, che è stata pari a circa 185.000 tonnellate (-57 % rispetto al 2017). A fronte di questi dati, Coldiretti stima che nel 2019 i consumatori troveranno sugli scaffali meno della metà delle bottiglie di olio d'oliva extravergine Made in Italy dell'annata 2018 rispetto all'annata 2017. Il drastico calo di produzione è dovuto alle condizioni climatiche avverse, alla diffusione del batterio Xylella e alla concorrenza sleale di paesi terzi che importano nell'Unione europea olio d'oliva di dubbia qualità a bassissimo costo che viene mescolato con olio nostrano e venduto come italiano o europeo. La filiera italiana olivicola conta 400 mila aziende agricole e l'Italia detiene il maggior numero di olio extravergine a denominazione in Europa (43 DOP e 4 IGP). Le massicce importazioni di olio extraeuropeo incentivano le frodi ai danni dell'olio 100 % italiano e i consumatori hanno diritto di sapere la provenienza dell'olio che comperano.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione indicare:
1) quali misure intende attuare per rafforzare la tutela della produzione italiana di olio d'oliva?
2) Se, per garantire maggiore trasparenza, intende migliorare l'indicazione d'origine degli oli ottenuti da miscele, stabilendo di riportare sull'etichetta la lista dei paesi di provenienza e non solo la generica dicitura «miscele di oli d'oliva comunitari e non comunitari»?
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2019Avviso legale