Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 48kWORD 18k
8 febbraio 2019
E-000764-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000764-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Tutela delle nocciole Made in Italy dalle crescenti importazioni di nocciole dalla Turchia pericolose per la salute
 Risposta scritta 

Il 27 novembre 2018 Coldiretti ha lanciato l'allarme sui rischi delle importazioni in Italia di nocciole dalla Turchia, che nei primi 8 mesi del 2018 hanno raggiunto circa 21 milioni di chili, registrando un aumento pari a +30 %. I produttori e i consumatori italiani sono seriamente preoccupati perché le nocciole turche contengono quantità troppo elevate di aflatossine cancerogene, come è stato confermato dal sistema di allerta rapido (RASFF) che, nei primi 9 mesi del 2018, ha riscontrato 39 allarmi di nocciole turche con livelli di aflatossine troppo alti e dunque pericolose per la salute.

L'Italia è il primo produttore europeo di nocciole e il secondo nel mondo dopo la Turchia. In Italia la corilicoltura è alla base di moltissimi prodotti della rinomata filiera dolciaria Made in Italy e le crescenti importazioni da paesi terzi potrebbero danneggiare la produzione italiana che al momento è in forte espansione e che vanta 3 varietà di nocciole DOP e IGP.

In considerazione di quanto precede, si chiede alla Commissione:
1) Intende limitare il volume delle importazioni di nocciole dalla Turchia fino a quando i produttori turchi non assicureranno standard di qualità e salubrità pari a quelli dell'UE?
2) Come intende rafforzare il supporto ai produttori italiani e all'intera filiera corilicola 100 % italiana?
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2019Avviso legale