Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 23kWORD 20k
25 aprile 2019
E-001086/2019(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-001086/2019

La Commissione non è a conoscenza del progetto di impianto di compostaggio in località Sassinoro cui fa riferimento l'onorevole deputata.

Ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 3, della direttiva Habitat(1), spetta alle autorità nazionali valutare caso per caso se un determinato progetto possa generare significative incidenze negative su un sito Natura 2000 alla luce dei suoi obiettivi di conservazione e autorizzarlo solo dopo essersi accertate che non pregiudicherà l'integralità del sito. Se viene accertato che il progetto avrà ripercussioni negative sul sito, le autorità nazionali possono comunque autorizzarlo se vengono soddisfatte le condizioni di deroga stabilite dall’articolo 6, paragrafo 4, della direttiva Habitat.

La Commissione non dispone di prove che indichino un'applicazione scorretta di tali disposizioni nell'ambito del caso cui fa riferimento l'onorevole deputata.

La Commissione ricorda che l'attuazione della normativa dell'UE in materia ambientale spetta in primo luogo agli Stati membri. Le autorità amministrative nazionali dispongono di adeguati strumenti per porre rimedio in caso di interferenze tra progetti specifici e la tutela dell'ambiente e della salute umana. È competenza degli organi giurisdizionali nazionali sostenere le azioni dei cittadini che necessitano di protezione rispetto a misure nazionali incompatibili con il diritto dell'UE o di compensazioni finanziarie per i danni causati dall'assenza di tali misure.

(1)Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (GU L 206 del 22.7.1992, pag. 7).

Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2019Avviso legale