Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 18k
4 marzo 2019
E-001158-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001158-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mario Borghezio (ENF)

 Oggetto:  Attività di spionaggio e destabilizzazione promosse dall'Iran
 Risposta scritta 

Recentemente si è assistito in Europa a una recrudescenza di atti di spionaggio e destabilizzazione imputabili al regime iraniano. In Germania è stato arrestato un cinquantenne afghano che lavorava come traduttore per l'esercito tedesco e avrebbe passato informazioni di intelligence all'Iran, mentre la Danimarca avrebbe espulso un presunto sicario del regime incaricato di colpire gli oppositori politici.

Lo scorso anno a Parigi, in occasione di una conferenza del gruppo dissidente iraniano MEK, era stato progettato un agguato, poi sventato, le cui ramificazioni portarono all'espulsione di diplomatici iraniani in Austria e Olanda.

Inoltre, sempre alla fine del 2018, due diplomatici iraniani erano stati espulsi dall'Albania per presunte complicità nel progetto di un attentato a una partita di calcio.

Ciò premesso, può la Commissione far sapere come intende agire, sul piano diplomatico e della sicurezza, per respingere la concreta minaccia portata dall'attività di spionaggio e destabilizzazione promossa dal regime iraniano? Intende ancora proseguire nella creazione di uno Special Purpose Vehicle (SPV) per permettere di aggirare le sanzioni?

Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2019Avviso legale