Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 23kWORD 18k
15 maggio 2019
E-001341/2019(ASW)
Risposta di Corina Crețu a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-001341/2019

Il programma operativo regionale Calabria del Fondo europeo di sviluppo regionale e del Fondo sociale europeo 2014-2020 sostiene l'intervento finalizzato alla costruzione di appartamenti destinati a lavoratori migranti, con uno stanziamento di 3,08 milioni di EUR, di cui 2,31 milioni provengono dal Fondo europeo di sviluppo regionale. Il programma è attuato in regime di gestione concorrente, il che significa che la responsabilità della selezione dei progetti rientra nelle competenze degli Stati membri e delle rispettive autorità di gestione.

Il progetto attuale riguarda la costruzione di 36 appartamenti in sei palazzine che dovrebbero ospitare 200 persone. Per il momento gli unici beneficiari previsti dal progetto sono i lavoratori migranti e le loro famiglie.

Il Comune di Rosarno ha chiesto alla Regione Calabria se i nuovi appartamenti possano essere assegnati anche a famiglie locali a rischio di esclusione sociale, la cui presenza contribuirebbe sul lungo termine all'integrazione dei migranti in queste palazzine. Secondo le ultime informazioni a disposizione della Commissione, la Regione Calabria non ha ancora preso una decisione ufficiale al riguardo, in quanto sta ancora verificando la compatibilità di tale richiesta con le disposizioni del programma operativo e con i suoi criteri di selezione.

Ultimo aggiornamento: 20 maggio 2019Avviso legale