Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 18k
15 marzo 2019
E-001356-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001356-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Crisi del settore avicolo in Italia
 Risposta scritta 

La filiera avicola in Italia raggruppa 15.300 allevamenti e 1.600 imprese di trasformazione, che impiegano 64.000 addetti. Le associazioni dei produttori, fra cui A.V.A. (Associazione Veneta Avicoltori), segnalano che nei primi mesi del 2019 i prezzi all'origine dei polli Made in Italy sono scesi a 0,86 euro/kg, con un calo del 22,4 % rispetto allo stesso periodo del 2018, e che la caduta dei prezzi riguarda anche molte altre carni avicole italiane, comprese quelle di anatre (-10,7 %) e tacchini (-2 %).

Uno dei fattori che sta causando la distorsione del mercato è l'aumento di importazione di carni avicole da paesi terzi come l'Ucraina, che aggirando gli accordi di libero scambio esistenti, eludono i dazi e immettono nel mercato dell'UE carni avicole a prezzi estremamente bassi, grazie soprattutto ai costi di produzione inferiori del 40 % rispetto a quelli europei.

Gli operatori italiani ravvisano inoltre problematicità relativamente all'etichettatura delle carni avicole, che non sarebbe di immediata comprensione ai consumatori.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) Quali misure intende attuare per sostenere il comparto avicolo italiano e il tessuto sociale che da esso dipende?
2) Ha intenzione di rivedere il regolamento (UE) n.1337/2013 per rendere le etichette delle carni avicole più trasparenti e comprensibili ai consumatori?
Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2019Avviso legale