Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
19 marzo 2019
E-001417-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001417-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Elisabetta Gardini (PPE)

 Oggetto:  Traffico di farmaci contraffatti
 Risposta scritta 

Il traffico di farmaci contraffatti costituisce un mercato nero sempre più redditizio, persino più del traffico di eroina. Secondo l'OMS un farmaco su dieci è falso, e questa cifra può arrivare a 7 su 10 in Africa.

In realtà come l'Africa, dove peraltro si trova la metà dei farmaci contraffatti a livello mondiale, ci si rivolge a simili prodotti per una questione di costo più basso, soprattutto in Burkina Faso, Ghana, Nigeria. Il risultato vede pazienti peggiorare o morire, e nel passato ad esempio molti bambini sono morti per uno sciroppo che aveva un colorante velenoso.

Uno degli aspetti tragici è che molte migliaia di persone muoiono per malattie perfettamente curabili, acquistando scatole che sembrano le originali, ma non lo sono.

Indagini in Africa hanno portato al sequestro di 400 tonnellate di farmaci contraffatti.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione riferire:
1) Come sia possibile tutelare al meglio la salute delle persone da questi farmaci contraffatti, soprattutto in simili realtà svantaggiate?
2) Come intende diminuire e cancellare l'incidenza di questi prodotti falsi?
Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2019Avviso legale