Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 21kWORD 21k
12 giugno 2019
E-001459/2019(ASW)
Risposta di Violeta Bulc a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-001459/2019

Le convenzioni di sovvenzione stipulate tra l'Agenzia esecutiva per l'innovazione e le reti (INEA) e i beneficiari comportano una serie di disposizioni generali che derivano direttamente dal regolamento finanziario. Tali disposizioni mirano a garantire l'applicazione di una sana gestione finanziaria e la parità di trattamento dei beneficiari.

Le convenzioni di sovvenzione precisano in particolare che solo i costi sostenuti dai beneficiari, dagli organismi di attuazione o dalle entità affiliate individuate nella convenzione di sovvenzione possono essere considerati ammissibili. A tal fine inoltre i costi devono essere registrati nel sistema contabile del beneficiario individuato. In base alle informazioni fornite dall'INEA, i membri del Consorzio 906 non sono individuati nelle convenzioni di sovvenzione. Anche se hanno fatturato e pagato direttamente una quota dei costi dei progetti, tali costi sono stati successivamente registrati nei registri contabili separati di ciascun membro e non nei registri contabili del Consorzio 906. Pertanto i costi che riguardano i membri del Consorzio 906 non sono conformi alle disposizioni generali delle convenzioni di sovvenzione. Firmando la convenzione di sovvenzione, Consorzio 906 ha accettato tali disposizioni generali, che rendono il diritto dell'Unione il diritto primario per l'applicazione del contratto.

Il coordinatore del progetto ha inoltre fornito all'INEA ulteriori informazioni, ad esempio un estratto del registro e il parere giuridico di un avvocato italiano, che confermano che Consorzio 906 è un organismo autonomo dotato di personalità giuridica propria, diversa da quella dei suoi membri.

Alla luce di quanto sopra la Commissione non può che confermare la valutazione dell'INEA di considerare non ammissibili i costi relativi a entità non identificate nelle convenzioni di sovvenzione. I costi sostenuti direttamente dal Consorzio 906 in quanto tale potrebbero tuttavia essere considerati ammissibili.

Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2019Avviso legale