Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 24kWORD 22k
12 luglio 2019
E-001565/2019(ASW)
Risposta di Mariya Gabriel a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-001565/2019

La libertà e il pluralismo dei media sono diritti fondamentali sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali.

La Commissione si adopera per garantirne il rispetto con tutti gli strumenti a sua disposizione. Tuttavia, a norma del suo articolo 51, paragrafo 1, la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea si applica agli Stati membri esclusivamente nell'attuazione del diritto dell'Unione. Inoltre la Commissione non dispone di competenze specifiche in materia di contenuti delle trasmissioni radiofoniche.

Nei casi in cui la Carta dell'UE non si applica, la tutela dei diritti fondamentali è garantita dalla costituzione degli Stati membri dell'UE e dalle convenzioni internazionali da essi ratificate.

La comunicazione della Commissione sul contrasto alla disinformazione online(1), adottata il 26 aprile 2018, elenca diverse azioni a sostegno del giornalismo di qualità. Segnatamente indica che gli aiuti di Stato possono contribuire a sostenere il giornalismo di qualità, i mezzi di informazione e, in particolare, i mezzi di comunicazione del servizio pubblico. Sottolinea inoltre l'importanza di dotare i cittadini delle giuste competenze di alfabetizzazione mediatica e di dare loro accesso a fonti di informazioni attendibili. Illustra infine come la Commissione sostiene il giornalismo professionale, in particolare le inchieste giornalistiche a livello transfrontaliero e la collaborazione con una rete affidabile di verificatori di fatti. Per rafforzare le azioni a favore della libertà e del pluralismo dei media, la Commissione ha altresì proposto di includere un bilancio dedicato (61 milioni di EUR) nel prossimo quadro finanziario pluriennale(2).

La Commissione ritiene che qualunque assegnazione di fondi pubblici ai mezzi di comunicazione dovrebbe essere gestita in conformità alla buona governance, al fine di garantire equità, neutralità e parità di trattamento(3).

(1)COM(2018) 236 def.
(2)Europa creativa, sezione transettoriale [COM(2018) 366 def.].
(3)Orientamenti della direzione generale della Politica di vicinato e negoziati di allargamento sul sostegno dell'UE alla libertà e all'integrità dei mezzi di comunicazione nei paesi candidati all'adesione per il periodo 2014-2020, pag. 9.

Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2019Avviso legale