Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
5 aprile 2019
E-001673-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001673-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Fulvio Martusciello (PPE)

 Oggetto:  Disciplina noleggio con conducente — L. 12/2019
 Risposta scritta 

La L.12/2019, riguardante la disciplina del noleggio con conducente (NCC) di autovetture e introdotta per modificare la L.21/1992, presenta numerosi profili di illegittimità. Tale legge, infatti, appare in netto contrasto con l'intervenuta liberalizzazione dell'attività di trasporto persone su strada, anzi, essa aggrava la disciplina dell'NCC, assoggettandola a vincoli tali da renderne quasi impossibile l'esercizio dell'attività. Abnormi sono i condizionamenti alla concorrenza, considerato che viene limitato l'esercizio dell'attività professionale alla provincia comprendente il comune che ha rilasciato l'autorizzazione; viene reso obbligatorio il rientro dell'autovettura nella rimessa in uso al vettore a fine giornata, ostacolando così la possibilità di prenotazione dei servizi; viene impostata la partenza dalla rimessa di qualsiasi corsa prenotata dal potenziale cliente, con l'impossibilità di effettuare servizi nel corso del medesimo giorno aldilà della località in cui si trova la rimessa, anche se dipendenti da regolari contratti. Il tutto causa un inevitabile incremento delle tariffe e una riduzione della scelta per gli utenti, i quali, di fatto, vengono spinti in modo artificioso verso il servizio taxi.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) La legge in questione non è in contrasto con i principi della libera attività economica?
2) Essa non falsa la concorrenza, condizione essenziale per realizzare un mercato interno libero e dinamico?
Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019Avviso legale