Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 18k
8 aprile 2019
E-001710-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001710-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Pina Picierno (S&D)

 Oggetto:  Protezione delle donne nel mondo
 Risposta scritta 

Vi sono stati recenti sviluppi in materia di diritti delle donne nel mondo grazie a una serie di iniziative, tra cui quelle intraprese dalla DG DEVCO(1) e dal Servizio europeo per l'azione esterna. Molti paesi, tuttavia, hanno ancora molta strada da fare. Il Bangladesh, ad esempio, ha compiuto notevoli progressi verso la parità di genere e l'emancipazione delle donne, compresa la sua riforma del settore tessile, ma deve fare di più. La situazione è ancora peggiore in Pakistan, paese beneficiario del SPG +, dove donne e ragazze di tutte le classi sociali ed economiche subiscono discriminazioni e viene violata la Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW). Sebbene l'Arabia Saudita abbia revocato il divieto di guida imposto alle donne per placare la comunità internazionale, le donne nel paese continuano a essere oppresse e discriminate.

Alla luce di quanto precede:

Che cosa sta facendo l'UE per quantificare e valutare lo status delle donne in tali paesi?

L'UE intende sfruttare la sua posizione di influente partner commerciale per insistere sulla conformità alle convenzioni internazionali in materia di diritti umani, diritti dei lavoratori e parità di genere, in particolare la CEDAW?

Quando un paese non soddisfa i criteri per le relazioni commerciali o viola una convenzione internazionale come la CEDAW, come interviene l'UE per garantire che il paese applichi immediatamente misure correttive?

(1)Direzione generale della Cooperazione internazionale e dello sviluppo della Commissione.

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019Avviso legale