Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 18k
16 aprile 2019
E-001842-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001842-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Damiano Zoffoli (S&D)

 Oggetto:  Discriminazione dei cittadini italiani con auto immatricolate all'estero
 Risposta scritta 

Considerato che il decreto legge 132 del 1o dicembre 2018 introduce un emendamento alla legislazione sul traffico che vieta ai cittadini italiani residenti in Italia per oltre 60 giorni di guidare veicoli immatricolati all'estero e i cittadini italiani fermati al volante di un veicolo immatricolato all'estero possono quindi incorrere in pesanti sanzioni che possono arrivare fino al ritiro del veicolo.

Tenuto conto che sono molti i cittadini italiani che per ragioni diverse possiedono auto immatricolate all'estero che utilizzano in Italia.

Si chiede alla Commissione:
1) L'introduzione di questo decreto, che discrimina cittadini italiani che hanno acquistato un'automobile in un altro Stato membro in cui lavorano o studiano, è compatibile con il diritto alla libera circolazione e alla libertà di stabilimento nell'Unione europea?
2) In caso affermativo, cosa intende fare per porre fine a questa discriminazione nei confronti dei cittadini italiani?
Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2019Avviso legale