Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 36kWORD 18k
17 aprile 2019
E-001890-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001890-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Presenza di gas radon oltre i limiti negli edifici in Italia — Richiesta di informazioni alla Commissione UE

Il radon è un gas naturale radioattivo cancerogeno. In molti edifici in Italia è stata rilevata la presenza di questo gas a livelli preoccupanti, e talvolta oltre la soglia limite; considerato che l'esposizione prolungata al radon provoca gravi patologie, come il tumore polmonare; visto che devono essere prese tutte le misure possibili per tutelare la salute dei cittadini da questo gas

Può la Commissione indicare:
1) Come viene gestita la problematica presenza di gas radon in altri Stati membri?
2) Esistono fondi europei ad hoc per la realizzazione e la predisposizione di progetti di recupero e risanamento del gas radon presente negli edifici?
Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2019Avviso legale