Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 18k
17 aprile 2019
E-001896-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001896-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Maggior controllo sugli spostamenti di sedi delle grandi aziende: siano tutelati gli accordi con i lavoratori e i loro diritti

Dopo Sky, Esso, Opel, Consodata, purtroppo alla lunga lista di importanti aziende che hanno deciso negli ultimi anni di lasciare la città capitolina, sede per decenni del loro business, si aggiungerà anche Wind Tre di Parco dei Medici.

Diversamente da quanto garantito dai suoi vertici al momento della riorganizzazione, il piano industriale dell'azienda conferma la volontà unilaterale di procedere allo spostamento a Milano dei 100 dipendenti della sede romana, per il 70 % donne; decisione che comprensibilmente comporterebbe onerosi, complessi e imprevisti cambiamenti nella vita dei lavoratori, che non vedrebbero garantiti i loro diritti nel quadro complessivo dei piani industriali immaginati.

A fronte del costante impegno delle politiche europee nella promozione dell'informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori per un giusto coinvolgimento nel processo decisionale delle imprese (risoluzione del 9 gennaio 2017 sul pilastro europeo dei diritti sociali, del 13 giugno 2017 sulle fusioni e scissioni transfrontaliere, il rapporto sulla partecipazione dei lavoratori al governo delle imprese) si chiede alla Commissione:
1) Come intende esprimersi di fronte a scelte unilaterali che l'azienda prende in autonomia?
2) Quali misure intende adottare affinché i piani industriali delle imprese garantiscano, oltre alla massimizzazione delle prospettive economiche, anche la massima tutela dei diritti professionali e sociali dei lavoratori?
Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2019Avviso legale