Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 18k
18 aprile 2019
E-002011-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002011-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Inquinamento da PFAS nel fiume Po in Veneto, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte. Richiesta di fondi straordinari alla Commissione UE

Il 16 aprile 2019 ARPAV (agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto) ha reso noto i risultati di un biomonitoraggio realizzato lungo il fiume Po: è stata rilevata la presenza della sostanza perfluorurata C6O4, che è un nuovo tipo di inquinante PFAS, in alcuni comuni veneti che confinano con l'Emilia-Romagna e in uno confinante con la Lombardia con punte di poco inferiori a 100 nanogrammi/litro. Data l'ubicazione dei punti di campionamento, questo inquinamento non sembra essere riconducibile al sito dell'azienda veneta che in passato aveva contaminato le falde di 31 comuni nelle province di Vicenza, Padova e Verona, ma deriverebbe da zone inquinate a monte del fiume Po. La Regione Veneto si è immediatamente attivata per avvisare Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte. Considerato che la presenza di PFAS nel fiume Po segnala l'urgenza di affrontare quest'emergenza ambientale che potrebbe coinvolgere milioni di cittadini italiani e l'attività di moltissime imprese agricole e che è quindi necessario il sostegno dell'UE, affinché i costi sanitari, ambientali ed economici non ricadano sui cittadini e sulle imprese.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione far sapere:
1) se intende stanziare fondi straordinari anche per assicurare soluzioni di approvvigionamento idrico per cittadini, imprese agricole, allevamenti e la bonifica delle aree inquinate?
2) Quali altre misure di sostegno intende adottare per aiutare i territori interessati dall'inquinamento da PFAS?
Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019Avviso legale