Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
18 aprile 2019
E-002012-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002012-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Istituzione della «Giornata europea del ricordo delle vittime delle foibe»
 Risposta scritta 
Tra la seconda metà del 1943 fino al 1947, nei territori dell'Istria e della Dalmazia allora italiani i Comitati popolari di liberazione jugoslavi commisero violenze contro la popolazione di lingua italiana e istro-veneta, che portarono alla morte di oltre diecimila persone. Questi eccidi sono avvenuti in campi di lavoro istituti dalle truppe comuniste e nei pressi di cavità naturali carsiche chiamate «foibe» e nel pozzo della miniera di Basovizza. Successivamente, a seguito del passaggio dei territori della Venezia Giulia dall'Italia alla Jugoslavia con il Trattato di Pace del 10 febbraio 1947, circa 300 000 istriani, fiumani e dalmati di lingua istro-veneta e italiana furono cacciati dalle loro case e costretti all'esodo. Preso atto che queste tragedie hanno causato gravissime sofferenze; considerato che commemorare questi eventi è un dovere morale; può la Commissione far sapere se:
1) valuta di istituire la «Giornata europea del ricordo delle vittime delle foibe» e di scegliere per tale ricorrenza la data del 10 febbraio?
2) Intende sostenere gli Stati membri nella promozione di campagne di sensibilizzazione a ricordo della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe?
Ultimo aggiornamento: 10 maggio 2019Avviso legale