Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 19k
18 aprile 2019
E-002036-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002036-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Piernicola Pedicini (EFDD)

 Oggetto:  Requisiti di adesione della piattaforma d'azione dell'UE per l'alimentazione, l'attività fisica e la salute, e del gruppo consultivo per la catena alimentare e per la salute animale e vegetale (DG SANTE)
 Risposta scritta 

Le attività della Commissione volte a promuovere la salute pubblica negli Stati membri includono forum che sostengono i governi nazionali nella formulazione e nell'attuazione delle politiche nutrizionali, ad esempio limitando l'esposizione dei bambini alla commercializzazione dei prodotti alimentari, valutando l'impatto di tale commercializzazione su di essi, o riducendo l'assunzione di sale, grassi saturi, acidi grassi trans e zuccheri aggiunti.

Purtroppo solo cinque dei 32 membri della piattaforma d'azione dell'UE per l'alimentazione, l'attività fisica e la salute sono ONG. Dei 45 membri del gruppo consultivo per la catena alimentare e per la salute animale e vegetale, solo sei sono ONG.

L'UE impone a questi organismi requisiti di adesione rigorosi, il che significa chiaramente che l'industria è favorita rispetto ai consumatori. Ciò consente alle grandi organizzazioni industriali di acquisire ancora più potere, mentre le ONG restano inascoltate.

L'industria spesso crea i problemi (come l'obesità o la mancanza di sicurezza alimentare) che una piattaforma o un gruppo consultivo cercano di affrontare. Perché dunque la Commissione consente all'industria di essere meglio rappresentata rispetto alle ONG?

Perché l'UE non offre alle ONG le stesse opportunità che offre all'industria?

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019Avviso legale