Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
18 aprile 2019
E-002042-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002042-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Laura Agea (EFDD) , Piernicola Pedicini (EFDD)

 Oggetto:  Discarica di Roccasecca (FR)
 Risposta scritta 

La Mad, società che gestisce la discarica di rifiuti non pericolosi in località Cerreto a Roccasecca (FR), ha ottenuto l'autorizzazione per un progetto di ampliamento per sopraelevazione, che prevede lo stoccaggio in altezza dei rifiuti a formare una vera e propria «collina di immondizia» nel punto di incontro tra i fiumi Liri e Melfa.

Roccasecca, sito di interesse storico e naturalistico, con un territorio a forte connotazione agricola, conta circa 7 000 abitanti, da anni sottoposti a gravi disagi per l'entità e pericolosità delle esalazioni sprigionate dai rifiuti.

La gestione del ciclo dei rifiuti, basata sull'allargamento delle discariche esistenti, è contraria agli obiettivi europei di economia circolare e danneggia il legittimo diritto dei cittadini di Roccasecca e dei limitrofi comuni ciociari alla salute e ad un ambiente salubre.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) Il provvedimento di VIA per l'ampliamento, le autorizzazioni paesaggistiche e la procedura di VAS sul fabbisogno impiantistico per il ciclo dei rifiuti si sono svolti nel pieno rispetto delle normative UE?
2) Può verificare lo status dei monitoraggi della qualità delle acque di falda da parte delle autorità preposte?
3) In base al principio del «chi inquina paga» e alla direttiva 2004/35/CE, quali sono le responsabilità dell'operatore della discarica e della Regione Lazio per la situazione?
Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019Avviso legale