Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 18k
22 luglio 2019
E-002364-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002364-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Rosa D'Amato (NI) , Chiara Gemma (NI) , Mario Furore (NI) , Isabella Adinolfi (NI)

 Oggetto:  Canale Lagrimaro

I Carabinieri del NOE di Bari, nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Procura di Foggia, hanno posto sotto sequestro preventivo l'intero Canale Lagrimaro.

Il Lagrimaro è lungo circa 2 km, arriva sino alla confluenza del Canale Giardino per poi immettersi in Adriatico a Foce Aloisa, in territorio di Zapponeta, in un'area ad alta sensibilità ambientale della Rete Natura 2000, denominata «Zone Umide di Capitanata» — ZSC IT9110005.

Secondo gli inquirenti, il corso d'acqua nel tempo si è trasformato in una discarica abusiva di rifiuti, anche pericolosi, con rischio di scarico in mare di sostanze inquinanti quali alluminio, nichel e cromo sversate da ignoti, presumibilmente aziende del territorio.

Questo canale nacque per evitare che l'acqua piovana ristagnasse in campagna ma, dopo che il piano regolatore ha approvato l'ampliamento industriale, la situazione è degenerata e il canale è diventato un ricettacolo di sostanze inquinanti.

Può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) non ritiene che lo stato di inquinamento del Canale Lagrimaro possa costituire un serio pericolo per la conservazione della ZSC IT9110005 (art. 3 della direttiva 92/43/CEE)?
2) Non ritiene che le autorità italiane non stiano garantendo un'adeguata sorveglianza dello stato di conservazione della ZSC IT9110005 (art. 11 della direttiva 92/43/CEE)?
3) Può comunicare quali azioni lo Stato membro può adottare per la conservazione della ZSC IT9110005?
Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2019Avviso legale