Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
24 luglio 2019
E-002412-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002412-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

 Oggetto:  Accordo UE-Mercosur: urgente revisione dell'accordo per tutelare adeguatamente il settore zootecnico italiano ed europeo

Il 28 giugno 2019 la Commissione UE e i pdel Mercosur (Brasile, Argentina, Paraguay, Uruguay) hanno definito un accordo commerciale che autorizzerà l'ingresso nel mercato comunitario di circa 100 000 tonnellate di carne bovina e di 160.000 tonnellate di pollame dal Mercosur. I produttori italiani e Assocarni hanno lanciato l'allarme sulle pesantissime ripercussioni che quest'accordo avrà nel mercato dell'UE, per il fatto che gli standard produttivi delle carni sudamericane sono inferiori e meno onerosi di quelli europei in termini di sicurezza, tracciabilità e sostenibilità. Di conseguenza, l'aumento esponenziale di importazioni di queste carni in Europa metterà a rischio la sopravvivenza della produzione nostrana a causa della concorrenza al ribasso del Mercosur.

Considerando quanto precede, può la Commissione indicare:
1) Se prenderà in considerazione la possibilità di rivedere l'accordo UE-Mercosur, stanti le preoccupazioni dei produttori italiani?
2) In caso contrario, come intende sostenere i produttori e gli operatori italiani ed europei che subiranno danni economici dalla concorrenza sleale del Mercosur?
Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2019Avviso legale