Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 21kWORD 19k
27 settembre 2019
E-002413/2019(ASW)
Risposta di Cecilia Malmström a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002413/2019

La Commissione è pienamente consapevole della sensibilità del settore del riso nell'UE. Il riso è trattato come un prodotto agricolo molto sensibile in tutti i negoziati e gli accordi commerciali bilaterali e l'UE protegge il proprio settore del riso consentendo solo una liberalizzazione limitata delle importazioni, conseguita attraverso contingenti tariffari che moderano le quantità che possono essere importate nell'UE in esenzione dai dazi.

L'accordo di libero scambio (ALS) tra l'UE e il Vietnam è stato firmato il 30 giugno 2019 ed entrerà in vigore dopo che ciascuna delle parti avrà completato le rispettive procedure di ratifica. In virtù di questo accordo, l'UE liberalizzerà solo parzialmente le importazioni di riso dal Vietnam. I contingenti tariffari fissati nell'ALS saranno gestiti mediante titoli di importazione, evitando per quanto possibile turbative al settore del riso in Europa.

Dal momento che l'ALS già comprende disposizioni mirate che tengono conto della sensibilità del settore del riso dell'UE, la Commissione non ravvisa la necessità di rivedere l'accordo al fine di adottare una nuova clausola di salvaguardia.

Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2019Avviso legale