Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 35kWORD 21k
17 settembre 2019
E-002445/2019(ASW)
Risposta dell'Alta Rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini
Riferimento dell'interrogazione: E-002445/2019

L'UE esorta costantemente le autorità venezuelane, in particolare mediante dichiarazioni pubbliche, a rispettare lo Stato di diritto e i diritti umani, compreso il diritto a un giusto processo, e a porre fine alle detenzioni arbitrarie. L'UE applica misure restrittive, che prevedono il divieto di viaggio e il congelamento dei beni, nei confronti di 18 funzionari venezuelani responsabili di violazioni dei diritti umani e di attività che compromettono la democrazia e lo Stato di diritto in Venezuela.

Come affermato nella dichiarazione dell'Alta Rappresentante/Vicepresidente a nome dell'Unione europea rilasciata il 16 luglio 2019: «Alla luce della grave situazione segnalata dall'UNHCHR, l'UE è pronta ad avviare i lavori per l'applicazione di misure mirate nei confronti dei membri delle forze di sicurezza coinvolti nella tortura e in altre gravi violazioni dei diritti umani

Nella dichiarazione è stato inoltre sottolineato che «l'UE ribadisce che la sottostante crisi multidimensionale richiede una soluzione politica urgente che può essere raggiunta solo attraverso un processo pacifico, democratico e gestito dai venezuelani che porti a elezioni presidenziali libere ed eque

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2019Avviso legale