Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 31kWORD 23k
14 ottobre 2019
E-002477/2019(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002477/2019

1. L'UE sostiene gli agricoltori del settore ortofrutticolo tramite programmi operativi per le organizzazioni di produttori riconosciute. Questi programmi sostengono misure quali il miglioramento della qualità dei prodotti, l'incremento del valore commerciale dei prodotti e l'adeguamento alle richieste del mercato. Gli investimenti, la ricerca e la promozione possono aiutare il settore a raggiungere nuovi mercati o a consolidare quelli vecchi.

Inoltre, l'UE sostiene i servizi di consulenza volti a migliorare le prestazioni economiche della loro azienda.(1) Un sostegno è altresì disponibile per gli agricoltori previo inserimento di norme adeguate nei programmi nazionali o regionali di sviluppo rurale.

Per proteggere la salute umana e l'ambiente, le norme dell'UE in materia di pesticidi sono tra le più rigorose al mondo, come ha riconosciuto il Parlamento europeo(2). Per ottenere un'autorizzazione, i richiedenti devono dimostrare l'efficacia e la sicurezza dei pesticidi. Il Parlamento ha inoltre chiesto un'ulteriore riduzione dell'uso dei pesticidi nell'UE(3). Tuttavia, sia ai prodotti dell'UE che a quelli importati si applicano gli stessi limiti di residui di pesticidi.

2. Due strumenti dell'UE possono essere usati dai produttori per migliorare le informazioni fornite ai consumatori:

Il sistema delle indicazioni geografiche dei prodotti agricoli e alimentari(4) garantisce al consumatore le qualità dei prodotti originari di un determinato luogo e protegge le denominazioni dalla copia. La Nocciola del Piemonte IGP e la Nocciola di Giffoni IGP, provenienti dall'Italia, sono già state registrate;
L'UE sostiene finanziariamente le azioni di informazione e di promozione intese ad aumentare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli dell'Unione e degli elevati standard applicabili ai loro metodi di produzione(5)(6).

(1)Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 487).
(2)P8_TA(2019)0023; Risoluzione del Parlamento europeo del 16 gennaio 2019 sulla procedura di autorizzazione dei pesticidi nell'Unione (2018/2153(INI)).
(3)P8_TA-PROV(2019)0082; Risoluzione del Parlamento europeo del 12 febbraio 2019 sull'applicazione della direttiva 2009/128/CE concernente l'utilizzo sostenibile dei pesticidi (2017/2284(INI)).
(4)Regolamento (UE) n. 1151/2012 (GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1).
(5)Regolamento (UE) n. 1144/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, relativo ad azioni di informazione e di promozione riguardanti i prodotti agricoli realizzate nel mercato interno e nei paesi terzi e che abroga il regolamento (CE) n. 3/2008 del Consiglio (GU L 317 del 4.11.2014, pag. 56).
(6)Per ulteriori informazioni sulla politica di promozione, consultare il sito dell'Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l'agricoltura e la sicurezza alimentare (CHAFEA) https://ec.europa.eu/chafea/agri/

Ultimo aggiornamento: 22 ottobre 2019Avviso legale