Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 24kWORD 19k
1o ottobre 2019
E-002503/2019(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002503/2019

Secondo la legislazione dell'UE, i titolari delle autorizzazioni all'immissione in commercio devono informare le autorità degli Stati membri non meno di due mesi prima dei ritiri temporanei o permanenti di medicinali dal mercato(1). Essi sono inoltre tenuti a garantire una fornitura continua dei medicinali immessi su uno specifico mercato dell'UE(2).

A seguito di una riunione tenutasi nel 2018, la Commissione ha pubblicato una sintesi delle misure adottate dagli Stati membri per garantire una fornitura continua, come ad esempio le misure nazionali per affrontare le carenze(3).

La Commissione affronta le questioni dell'accessibilità e della disponibilità tramite il Comitato farmaceutico, il gruppo di esperti sull'accesso sicuro e tempestivo ai farmaci per i pazienti(4) e sostenendo i progetti e le iniziative pertinenti tramite il programma dell'UE per la salute(5). La Commissione analizza inoltre l'efficacia, l'accessibilità e la resilienza dei sistemi sanitari nell'ambito del semestre europeo(6).

La task force dei direttori delle Agenzie per i medicinali e dell'Agenzia europea per i medicinali sta lavorando per affrontare le carenze e assicurare la disponibilità di medicinali. Le carenze che incidono sulla salute pubblica vengono condivise tra gli Stati membri, con l'obiettivo di aumentare la consapevolezza e facilitare l'azione.

La Commissione sta attualmente valutando ulteriori possibili modalità per affrontare le carenze di medicinali.

(1)Articolo 23 bis della direttiva 2001/83/CE
(2)Articolo 81 della direttiva 2001/83/CE
(3)https://ec.europa.eu/health/sites/health/files/files/committee/ev_20180525_summary_en.pdf
(4)https://ec.europa.eu/health/documents/pharmaceutical-committee/stamp_it
(5)Ad esempio https://webgate.ec.europa.eu/chafea_pdb/health/projects/664317/summary
(6)https://ec.europa.eu/info/business-economy-euro/economic-and-fiscal-policy-coordination/eu-economic-governance-monitoring-prevention-correction/european-semester_it

Ultimo aggiornamento: 8 ottobre 2019Avviso legale