Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
8 agosto 2019
E-002537-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002537-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Rosa D'Amato (NI)

 Oggetto:  Decreto sicurezza bis

Il decreto legge n. 53 del 14 giugno 2019, approvato in via definitiva il 5 agosto 2019, introduce nell'ordinamento italiano una serie di norme che permetteranno al ministro dell'Interno di chiudere i porti italiani alle navi di ONG che soccorrono i migranti e di perseguire i loro equipaggi per «favoreggiamento dell'immigrazione clandestina».

In primo luogo, tali misure appaiono in contrasto con le obbligazioni derivanti dalle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute, a cui l'ordinamento italiano si conforma, come previsto dalla Carta costituzionale.

Più specificamente, tali disposizioni calpestano quei valori sanciti dai trattati e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, che la Commissione si impegna a difendere in quanto principi fondanti dell'Unione.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione chiarire:
1) Se le misure introdotte dal suddetto decreto legge non siano contrarie ai principi di solidarietà e dignità umana sanciti dall'articolo 2 del TUE?
2) Se il tentativo di criminalizzare i salvataggi di vite umane in mare non sia in aperto contrasto con l'articolo 78 del TFUE e con l'articolo 18 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea in materia di diritto d'asilo?
3) Di quali strumenti dispone per evitare che gli Stati membri violino lo Stato di diritto e i diritti dell'uomo?
Ultimo aggiornamento: 2 settembre 2019Avviso legale