Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 18k
12 agosto 2019
E-002541-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002541-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

 Oggetto:  Accordo UE-Mercosur: a rischio la produzione italiana di zucchero
 Risposta scritta 

Nel giugno 2019 la Commissione europea e gli Stati del Mercosur (Brasile, Argentina, Paraguay, Uruguay) hanno raggiunto un accordo di libero scambio che permetterà a questi paesi sudamericani di esportare verso il mercato dell'UE 180.000 tonnellate a dazio zero di zucchero grezzo. Inoltre, sarà concessa al Paraguay un'ulteriore quota di esportazione pari a 10.000 tonnellate di zuccheri speciali, tra cui lo zucchero biologico. I produttori italiani, riuniti nella cooperativa dei produttori bieticoli (Coprob), temono che quest'accordo provocherà gravissime ricadute sulla produzione italiana, già in forte sofferenza a causa del crollo del prezzo dello zucchero, a seguito della fine del regime delle quote nel 2017.

Il Brasile è il primo esportatore mondiale di zucchero, il Paraguay è il secondo produttore di zucchero biologico nel mondo, ma i paesi del Mercosur non garantiscono i medesimi standard di qualità e sostenibilità garantiti dalla produzione italiana di zucchero. Con questo accordo, nel mercato dell'UE aumenterà la concorrenza al ribasso, causata dai paesi del Mercosur, con importazioni a basso costo che di conseguenza metteranno a rischio la sopravvivenza della filiera italiana dello zucchero e dei relativi posti di lavoro.

Alla luce di quanto precede, la Commissione:
1) Intende rivedere l'accordo UE-Mercosur, in seguito alle segnalazioni dei produttori italiani?
2) Come intende assicurare coerenza e tutela nei confronti degli operatori italiani della filiera bieticola?
Ultimo aggiornamento: 2 settembre 2019Avviso legale