Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 18k
12 agosto 2019
E-002544-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002544-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

 Oggetto:  Semestri di presidenza del Consiglio sponsorizzati da multinazionali: richiesta di chiarimenti alla Commissione europea
 Risposta scritta 

Il 15 luglio 2019 il Mediatore europeo ha aperto un'indagine sul caso delle sponsorizzazioni da parte di aziende multinazionali ad alcuni Stati membri, durante il rispettivo semestre di presidenza di turno del Consiglio dell'UE. I casi più recenti riguardano il primo semestre del 2019 guidato dalla Romania, che ha stretto accordi con la Coca-Cola, e l'attuale semestre presieduto dalla Finlandia, che ha come sponsor la BMW.

L'attività di fornitura di servizi da parte di aziende private a Stati membri, nell'ambito della presidenza del Consiglio dell'UE, rappresenterebbe un palese conflitto di interessi tra gruppi multinazionali e istituzioni pubbliche e questo processo sembra poco trasparente.

Alla luce di quanto precede, la Commissione:
1) Ritiene che i sopraccitati accordi tra multinazionali e Stati membri costituiscano conflitto di interessi?
2) Può indicare quali Stati membri e quali multinazionali hanno raggiunto accordi di sponsorizzazione per il semestre di presidenza del Consiglio dell'UE, di detti Stati?
3) Intende intervenire affinché sia fatta chiarezza sulla procedura di sponsorizzazione, all'insegna della trasparenza e del rispetto nei confronti dei cittadini europei?
Ultimo aggiornamento: 2 settembre 2019Avviso legale