Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 22kWORD 21k
25 ottobre 2019
E-002742/2019(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002742/2019

L'autorità di gestione dell'attuale programma di sviluppo rurale (PSR) della Puglia ha informato la Commissione che il progetto oggetto dell'interrogazione è stato inizialmente approvato ai sensi della misura 1.2 del Programma operativo regionale (POR) 2000-2006 per essere cofinanziato dal Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia (FEAOG), sezione «orientamento». Tuttavia, poiché il progetto non è mai diventato operativo, la spesa è stata decertificata, ovvero non è stata imputata al bilancio dell'UE. Di conseguenza, dal punto di vista dei fondi europei per l'agricoltura non c'è un importo a rischio da recuperare per questo progetto.

Le autorità italiane hanno altresì riferito che è stato cofinanziato un nuovo progetto per l'entrata in esercizio dell'impianto in questione, ma in condizioni migliori, nell'ambito del POR 2014-2020 del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), per un totale di 195 470 EUR.

Inoltre, nel quadro del POR FESR 2014-2020 è stato cofinanziato un ulteriore progetto (diverso da quello summenzionato) per un impianto di trattamento delle acque reflue a Castellaneta per un totale di 2 165 800 EUR, il cui beneficiario e organo di gestione è l'Acquedotto Pugliese.

Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2019Avviso legale