Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 20k
12 settembre 2019
E-002742-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002742-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Rosa D'Amato (NI) , Chiara Gemma (NI) , Isabella Adinolfi (NI)

 Oggetto:  Impianto di depurazione delle acque reflue di Castellaneta

Con delibera 4671/1996 la Giunta regionale pugliese ha ammesso il comune di Castellaneta (Taranto) al finanziamento, a titolo del POP 1994-1999, di un impianto di depurazione delle acque reflue.

Con determinazione del dirigente del servizio agricoltura 194/AGR, del 22 marzo 2002, tale intervento è stato acquisito al Complemento di Programmazione (POR 2000-2006 Asse I — Misura 1.2) — 2.175.338,67 EUR.

Il 21 aprile 2010 l'Ufficio Controllo e Verifica Politiche Comunitarie della Regione Puglia ha rilevato la mancata entrata in esercizio, l'abbandono e la distruzione dell'impianto. Conseguentemente, il dirigente del servizio agricoltura ha revocato il contributo, avviandone il recupero coattivo.

Con due sentenze, il Tribunale (1990/2016) e la Corte d'appello (211/2019) di Taranto hanno condannato il comune di Castellaneta a restituire il contributo(1) alla Regione.

Il comune di Castellaneta non ha restituito il precedente contributo, ciò nonostante la Giunta regionale pugliese ha assegnato un nuovo contributo di 1.900.000 EUR (POR 2014-2020) al medesimo impianto.

Alla luce di quanto precede, intende la Commissione:
1) Comunicare quali iniziative pensa di adottare per evitare la dilapidazione di 2.175.338,67 EUR?
2) Invitare le autorità regionali della Puglia a subordinare l'erogazione del nuovo finanziamento alla preliminare e integrale restituzione del vecchio contributo?
3) Segnalare la vicenda alla Corte dei Conti dell'UE e a quella della Puglia?

(1)http://www5.consiglio.puglia.it/GissX/XSagArchivio.nsf/(InLinea)/Risp3-Interr1509-X/$File/29072019094323.pdf?OpenElement

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2019Avviso legale