Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 18k
1o ottobre 2019
E-003054-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003054-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

 Oggetto:  Azienda «Italia Wanbao-ACC S.r.l.» in provincia di Belluno a rischio di chiusura — Richiesto l'intervento della Commissione europea

L'azienda metalmeccanica «Italia Wanbao-ACC S.r.l.» di Mel, in provincia di Belluno, è attiva da 50 anni nella produzione di compressori. Nel 2014 è stata rilevata dalla multinazionale cinese «Wanbao Group Compressor Co Ltd», controllata dalla municipalità cinese di Guangzhou, che si è impegnata con il governo italiano a mantenere in attività il sito bellunese con impegni di investimenti. Tuttavia, nel 2018 una ristrutturazione aziendale ha causato una forte riduzione del personale, con pesantissime conseguenze sul tessuto socio-economico della provincia bellunese. Il 4 settembre 2019 la dirigenza cinese ha annunciato la riduzione dei volumi produttivi e l'esaurimento dei finanziamenti per il rilancio dell'azienda, senza fornire garanzie sul futuro dello stabilimento. Secondo i lavoratori e i sindacati, il sito di Mel è a rischio di imminente chiusura e i 290 dipendenti si ritroveranno a breve disoccupati e difficilmente ricollocabili, e dovranno affrontare assieme alle loro famiglie gravi difficoltà economiche a causa della disoccupazione, in un territorio già provato dalla crisi economica ed occupazionale.

Considerata l'urgente situazione, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) intende attivarsi presso il governo cinese a difesa dei 290 dipendenti di Mel?
2) Come intende sostenere questi lavoratori?
3) Può indicare se sussistono le condizioni per l'attivazione del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione, per fornire un sostegno a questi lavoratori e alle loro famiglie?
Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2019Avviso legale