Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
1o ottobre 2019
E-003055-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003055-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

 Oggetto:  Perdita di competitività della produzione ortofrutticola italiana a causa del dumping nel costo del lavoro agricolo in UE
Il settore ortofrutticolo italiano, che impiega 346 mila imprese ed è il secondo maggiore produttore in UE, ha registrato nel 2018 un drammatico calo delle esportazioni, pari ad una perdita in quantità di oltre 446 000 tonnellate (-11,2 %) e in valore di 311 milioni di euro (-6,3 %). I produttori italiani, tra i quali quelli che partecipano al movimento «Salviamo l'agricoltura italiana», rendono noto che questa pesantissima contrazione delle esportazioni è dovuta alla differenza del costo del lavoro nel settore ortofrutticolo in UE. Rispetto ai suoi diretti concorrenti, come Grecia, Spagna, Polonia e altri paesi est-europei, che hanno costi del lavoro inferiori, l'Italia perde penetrazione di vendita nel mercato europeo e in quelli internazionali a causa dell'alto costo del lavoro agricolo che incide fino al +70 % sul prezzo finale dei prodotti ortofrutticoli italiani. Gli agricoltori italiani sono costretti a produrre a costi maggiori e a vendere ai prezzi concorrenziali degli altri paesi, non potendo coprire nemmeno i costi di produzione. Preso atto che la progressiva perdita di competitività dell'ortofrutta italiana mette in pericolo la sopravvivenza di migliaia di aziende agricole e dei relativi posti di lavoro, si chiede alla Commissione:
1) quali misure urgenti intende attuare per ridurre il dumping nel costo del lavoro agricolo tra gli Stati membri dell'UE?
2) come intende sostenere i livelli occupazionali e il reddito degli agricoltori italiani?
Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2019Avviso legale