Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 9k
25 ottobre 2019
E-003466/2019
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Rosa D'Amato
 Oggetto: Impianto di compostaggio a Sassinoro

Nel territorio del comune di Sassinoro è stato autorizzato dalla Regione Campania un impianto di compostaggio per il trattamento di 22 000 tonnellate annue di rifiuti organici, posto nelle vicinanze del sito di importanza comunitaria IT80200001 "Alta Valle del Fiume Tammaro", apparentemente senza valutazione di impatto ambientale (VIA) né valutazione di incidenza ambientale (VINCA).

L'impianto si troverebbe su una falda acquifera del sistema di Campolattaro (BN) sul quale c'è un progetto di potabilizzazione a valere su fondi CIPE gestiti dal ministero delle Infrastrutture.

Considerati i problemi di approvvigionamento idrico di Benevento e provincia, dovuti all'infiltrazione di inquinanti nei pozzi, il bacino di Campolattaro diventa strategico per sostenibilità ed economia.

L'eventuale realizzazione dell'impianto di gestione dei rifiuti risulterebbe in contrasto con la volontà di utilizzare dette risorse per un uso potabile del bacino di Campolattaro, considerata la possibilità di contaminazione di suolo e acqua.

Le perplessità sull'autorizzazione sono riassunte dall'Avvocatura della Provincia di Benevento con nota del 26.9.2019, mentre la Regione in data 11.9.2019 ha dichiarato di poter verificare gli impatti soltanto dopo l'entrata in esercizio dell'impianto.

Ritiene la Commissione che le autorità italiane

– stiano garantendo la tutela del sito di importanza comunitaria/ della zona speciale di conservazione conformemente all'articolo 11 della direttiva 92/43/CEE;

– stiano attuando l'articolo 4 della direttiva 2000/60/CE sulla tutela delle acque;

– stiano attuando il principio di precauzione?

Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2019Avviso legale