Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 9k
19 novembre 2019
E-003895/2019
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Fabio Massimo Castaldo, Chiara Gemma, Dino Giarrusso, Daniela Rondinelli, Isabella Adinolfi
 Oggetto: Calo della produzione dell'olio toscano, laziale e umbro dovuto ai cambiamenti climatici

Secondo la notizia riportata da vari quotidiani locali, nel 2019 la produzione dell'olio in Umbria, Toscana e Lazio subirà una forte contrazione. Gli esperti prevedono, nel caso della produzione toscana, un quantitativo pari a 16.278 tonnellate di olio rispetto alle 20.347 di un anno fa. Nelle zone dell'entroterra toscano, si legge, il calo va dal 30 al 50%. Nel Lazio il calo è ancora più consistente, arrivando in alcune aree (come quella di Canino, Cellere e Tuscania) fino a una contrazione del 70%.

La causa primaria di questa sostanziale diminuzione sarebbe il cambiamento climatico, che avrebbe provocato un ritardo nella fioritura delle piante.

Considerando che il problema derivante dalla variabilità costante delle precipitazioni e delle temperature legata ai cambiamenti climatici non è solo un problema locale, ma va considerato come uno dei fattori che nuocciono all'agricoltura europea, si chiede alla Commissione:

quali misure intende intraprendere per affrontare il problema a livello europeo;

se ritiene necessario attuare un piano straordinario per affrontare a breve termine questa problematica.

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Ultimo aggiornamento: 16 dicembre 2019Avviso legale