Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interpellanze
PDF 27kWORD 20k
28 marzo 2019
K-000001/2019(ASW)
Risposta di Neven Mimica a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: K-000001/2019

A seguito della decisione del Consiglio del marzo 2016, relativa alla conclusione delle consultazioni con il Burundi a norma dell'articolo 96 dell'accordo di partenariato ACP-UE(1), i servizi della Commissione e l'EEAS hanno concordato con la commissione dell'Unione africana (UA) un meccanismo di pagamento specifico per garantire che i fondi UE a sostegno del contingente burundese siano interamente destinati al pagamento degli stipendi dei soldati. Da quel momento i fondi sono versati dalla commissione dell'UA sui conti bancari dei soldati senza nessuna interferenza del Governo burundese. Il meccanismo di pagamento è caratterizzato da una certa rigidità. I due contratti iniziali relativi al finanziamento UE dal gennaio 2016 a marzo 2017 (AMISOM XV e AMISOM XVI) sono già stati oggetto di audit per verificare, in particolare, il sistema di pagamento e le modalità di controllo convenuti. Le relazioni finali di questi audit riconoscono l'adeguatezza del meccanismo di controllo predisposto dalla commissione dell'UA e confermano la legittimità e la regolarità delle transazioni nell'ambito del quadro giuridico dei contratti UE. È stata inoltre accertata la coerenza dei pagamenti erogati ai singoli soldati rispetto all'elenco nominale del contingente del Burundi dispiegato nel quadro di AMISON. Il terzo contratto che riguarda le spese da aprile a dicembre 2017 (AMISON XVII) è attualmente in corso.

La proposta di un nuovo strumento europeo per la pace è attualmente all'esame delle autorità legislative in concomitanza con i negoziati relativi al quadro finanziario pluriennale 2021-2027. Questo strumento trarrà spunto dalle migliori pratiche sia del Fondo per la pace in Africa che del meccanismo Athena e continuerà a garantire e a salvaguardare la protezione degli interessi finanziari dell'UE.

(1)Decisione (UE) 2016/394 del Consiglio, del 14 marzo 2016, relativa alla conclusione della procedura di consultazione con la Repubblica del Burundi a norma dell'articolo 96 dell'accordo di partenariato tra i membri del gruppo degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico, da un lato, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall'altro.

Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019Avviso legale