Procedura : 2015/2744(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000079/2015

Testi presentati :

O-000079/2015 (B8-0568/2015)

Discussioni :

PV 10/09/2015 - 4
CRE 10/09/2015 - 4

Votazioni :

Testi approvati :


Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 25k
18 giugno 2015
O-000079/2015
Interrogazione con richiesta di risposta orale O-000079/2015
alla Commissione
Articolo 128 del regolamento
Iratxe García Pérez, Catherine Bearder, a nome della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere

 Oggetto: La dimensione di genere nella tratta di esseri umani
 Risposta in Aula 

La tratta di esseri umani è una grave violazione dei diritti fondamentali e una grave forma di criminalità organizzata che colpisce donne, uomini, ragazze e ragazzi, che ne divengono vittime in circostanze diverse e che necessitano di misure di assistenza e sostegno che integrino una specificità di genere, come indicato nella direttiva 2011/36/UE. Secondo Eurostat, le vittime della tratta sono per il 68% donne, il 17% uomini, il 12% ragazze e il 3% ragazzi.

La Commissione ha monitorato i progressi compiuti nell'attuazione della suddetta direttiva negli Stati membri, ad esempio attraverso la strategia dell'UE per l'eradicazione della tratta degli esseri umani, la quale identifica la violenza contro le donne e le disuguaglianze di genere come una delle cause alla base della tratta.

Dato che la tratta di esseri umani è riconosciuta come un fenomeno di genere, può la Commissione indicare quali misure concrete prevede di prendere per sviluppare le conoscenze sulla dimensione di genere della tratta di esseri umani?

La Commissione avrebbe dovuto presentare entro il 6 aprile 2015 una relazione di valutazione delle misure adottate dagli Stati membri per conformarsi alla direttiva 2011/36/UE. Quando sarà in grado la Commissione di presentare tale relazione? Quali misure intende adottare la Commissione per affrontare i ritardi nel recepimento e nella conformità da parte degli Stati membri? Ritiene la Commissione che negli Stati membri che hanno recepito la direttiva, questa sia applicata in modo adeguato al conseguimento dei suoi obiettivi?

Considerando che la strategia attuale scade nel 2016, intende la Commissione far sì che la futura strategia incorpori una chiara prospettiva di genere e attribuisca priorità ai diritti delle vittime della tratta di esseri umani e alle loro esigenze specifiche, prestando particolare attenzione ai nuovi metodi con cui avviene la tratta? Un approccio basato sui diritti umani incentrato sulle vittime della tratta di esseri umani deve scoraggiare la domanda di tutte le forme di tale tratta, inclusa quella avente fini di sfruttamento sessuale, che è la forma più comune di sfruttamento. Quali azioni concrete intende adottare la Commissione per individuare le migliori pratiche che gli Stati membri possono condividere in vista di questa nuova strategia? In particolare, quali azioni correlate a misure specifiche di genere per prevenire la tratta e ridurne la domanda e l'offerta intende adottare la Commissione?

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Avviso legale