Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 25k
8 dicembre 2014
P-010361-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-010361-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD) , Dario Tamburrano (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Ignazio Corrao (EFDD) , Eleonora Evi (EFDD)

 Oggetto:  Applicazione del principio di multi-level governance nella politica di coesione 2014-2020 in Italia
 Risposta scritta 

Nella politica di coesione le regioni hanno assunto un ruolo centrale a partire dalla fase di programmazione. L'attuale politica si basa su un sistema di governance a più livelli (multi-level governance) per il quale, secondo la Commissione europea, le regioni assumerebbero un ruolo di comprimari. Affinché tale politica abbia effetto è necessario anche il pieno coinvolgimento degli stakeholder locali per ritagliare l'intervento di policy a misura del territorio.

Considerando che:

nella nuova programmazione dei Fondi strutturali un ruolo cruciale per la definizione dei programmi operativi (PO) viene assegnato al partenariato, secondo il regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che recita: «Conformemente al sistema della governance a più livelli, gli Stati membri associano i partner (…) alle attività di preparazione degli accordi di partenariato e delle relazioni sullo stato di attuazione e a tutte le attività di preparazione e attuazione dei programmi» nonché di sorveglianza e valutazione degli stessi;

tale principio è stato ulteriormente rafforzato con l'adozione del «codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei»,

può la Commissione chiarire:
1. qual è stato il livello di coinvolgimento degli stakeholder locali italiani nella preparazione dei PO, e
2. quali misure è possibile adottare per garantire una maggiore partecipazione del territorio nel processo decisionale?
Avviso legale