Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 25k
29 gennaio 2015
P-001322-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-001322-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD) , Isabella Adinolfi (EFDD) , Laura Agea (EFDD) , Daniela Aiuto (EFDD) , Tiziana Beghin (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Eleonora Evi (EFDD) , Marco Valli (EFDD) , Marco Zanni (EFDD)

 Oggetto:  Irregolarità nell'impianto siderurgico ILVA di Taranto
 Risposta scritta 
In Italia è in vigore il decreto legge n. 1 del 5 gennaio 2015 che:
a. autorizza la realizzazione di discariche senza rispettare la direttiva 1999/31/CE e rinvia l'applicazione della direttiva 2010/75/UE senza definirne le priorità in termini di salute e ambiente;
b. applica in materia di aiuti di Stato i nuovi orientamenti per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà (2014/C 249/01);
c. specifica che il piano ambientale si intende rispettato se entro il 31 luglio 2015 sarà realizzato l'80 % delle prescrizioni, senza indicarne una priorità in termini di tutela di salute ed ambiente.
Considerando quanto sopra, nonché il parere motivato della Commissione europea del 16 ottobre 2014 riguardante carenze quali l'inosservanza delle condizioni stabilite nelle autorizzazioni, l'inadeguata gestione dei sottoprodotti e dei rifiuti e la protezione e il monitoraggio insufficienti del suolo e delle acque sotterranee, può la Commissione precisare quanto segue:
1. Intende essa assicurare l'applicazione dell'articolo 8 della direttiva 2010/75/CE e della direttiva 1999/31/CE?
2. Intende essa verificare se l'aiuto concesso soddisfa le condizioni imposte da nuovi orientamenti chiarendo chi avrà la responsabilità in materia di danno ambientale secondo la direttiva 2004/35/CE?
3. Ha l'Italia dato risposta al parere motivato entro i due mesi stabiliti?
Avviso legale